advertisement

Treccia a cascata, tutorial e idee

Luca

La treccia a cascata e i suoi segreti: da come farla ai tipi migliori esistenti. Si adatta a qualsiasi situazione ed evento

advertisement
Treccia a cascata, tutorial e idee

La treccia a cascata è una tipologia di pettinatura molto sofisticata ed elegante, nonché naturale e semplice da eseguire con pochi passaggi e in poco tempo. E’ ottima per un’uscita con gli amici o anche per una serata più impegnativa, nella quale si richiede un certo decoro e ordine. Questa pettinatura permette, dunque, di decorare i propri capelli con una semplice treccia ‘a lisca’, per un effetto romantico e particolarmente dolce. Inoltre, essa prende questo nome proprio dal fatto che le ciocche utlizzate e intrecciate tra loro ricadono sulla nuca proprio a mo’ di cascata, donando un effetto voluminoso e super vivace.

Come fare la treccia a cascata

La domanda che ci si pone, dunque, è: ‘come fare una treccia a cascata?’. I passaggi per realizzare la treccia a cascata sono molto semplici: prima di tutto, si parte prendendo una piccola ciocca di capelli sulla sommità del capo, subito dopo aver creato una riga laterare o centrale in base al proprio gusto. La ciocca la si deve dividere in tre parti, realizzando, inizialmente, una semplice treccia normale e ripetendo questa operazione per circa un paio di volte prima di procedere con la vera e propria treccia desiderata. Dopo questo procedimento iniziale, quando ci si trova con la parte della ciocca più posteriore da intrecciare, è necessario aggiungere alcuni capelli prendendoli dalle lunghezze sciolte subito vicine, per poi intrecciarli normalmente passando sopra la parte centrale della ciocca. Quando si giunge ad intrecciare la ciocca più vicina al viso, bisogna lasciarla cadere senza riutilizzarla, prendendo di conseguenza una nuova ciocca di capelli al di sotto: si utilizza quest’ultima, dunque, per continuare la treccia. Il procedimento diventa semplice e meccanico da eseguire: dal retro si aggiungono capelli e sulla parte frontale, invece, bisogna lasciarli liberi, prendendo di conseguenza una nuova ciocca. Man mano che si lasciano libere le ciocche, bisogna tirarle verso la parte frontale, in modo tale che esse non si mischino con i capelli ancora da intrecciare. Si continua, dunque, in questo modo, fin quando non si arriva all’altezza dell’orecchio. A quel punto, la treccia la si può puntare con un elastico trasparente o del colore dei capelli, oppure con delle mollettine, posizionandole ad ‘X’ in modo da tenere ben saldi i capelli e la treccia di per sé. Come ultimo passaggio, facoltativo ma che garantisce un tocco di ordine in più, si possono nascondere le mollettine o gli elastici con i capelli sciolti posteriori, che non sono stati utilizzati per realizzare la treccia.

advertisement

Tipi di treccia a cascata

Le trecce a cascata sono considerate una variante della normale e classicissima treccia e possiedono, inoltre, numerose rivisitazioni che rispecchiano alla perfezione lo stile o il look che si vuole ottenere per un determinato impegno o appuntamento. Il meccanismo della treccia a cascata è sempre lo stesso, nonostante vi siano diversi esempi e tipologie differenti per quanto riguarda la forma e la quantità di ciocche utilizzate. La più semplice e facile da ricordare e da eseguire  è la classica treccia a cascata che si ferma poco sopra l’orecchio, fermata, poi, dai capelli sciolti che stanno dietro la testa. Un altro esempio riguarda le treccia a cascata che si sviluppa sempre dalla sommità del capo, per poi concludersi a treccia laterale a spina di pesce: in questo modo, i capelli sono tutti raccolti all’inizio, per poi scendere dolcemente, intrecciati tra loro sulle spalle. Una terza modalità riguarda quella tipologia di trecce che partono dai lati del capo, per poi ricongiungersi a metà, posteriormente, e concludersi con un semplice chignon, anche un po’ spettinato, per un look un po’ aggressive, ma sempre molto audace e sofisticato. Per abbellire il tutto, si possono utilizzare anche nastrini colorati, sottili o larghi, da intrecciare tra le ciocche, per garantire un tocco di vivacità e di leggerezza in più. La treccia laterale a cascata, per esempio, risulta perfetta per chi vuole optare per questa pettinatura il giorno del proprio matrimonio: la treccia a cascata, inoltre, la si può ottenere anche se si hanno i capelli corti. Questa tipologia di pettinatura è adatta ad ogni occasione, è fresca e garantisce il proprio fascino. Provare per credere, no?

advertisement