advertisement

Top 10 errori make up e idratazione del viso da evitare

Luca

Conoscere gli errori del make up che si possono fare è un grande passo avanti se si vuole migliorare nelle tecniche di applicazione e nei risultati finali

advertisement
Top 10 errori make up e idratazione del viso da evitare
advertisement

Il make-up è considerato uno delle caratteristiche più importanti per apparire al meglio possibile, perfettamente curati e in ordine. Molto spesso, però, si può inciampare in diversi errori, sia dal punto di vista dell’applicazione dei cosmetici, sia per quanto riguarda la cura e l’idratazione della pelle in quanto si sa che è fondamentale proteggerla al meglio dai numerosi prodotti che frequentemente vengo applicati sul viso. Il trucco rende belli, sì, ma se applicato seguendo determinati suggerimenti e consigli (ed evitando errori che possono sembrare banali ma sufficientemente ampi per rovinare completamente tutto il lavoro svolto) il risultato sarà migliore e super efficace.

Fondotinta: scelta del finish sbagliato

Ciò che conta principalmente è scegliere il fondotinta ideale per il proprio incarnato e per la propria tipologia di pelle, secca, mista, o grassa, tendenzialmente acneica. E’ importante, dunque, non sottovalutarla, in quanto chi è caratterizzato da una pelle secca, un fondotinta con finish a lunga tenuta creerebbe uno sgradevole effetto dopo qualche ora dall’applicazione, ovvero un effetto super tirato, che metterebbe in evidenza le pellicine; viceversa, chi possiede una pelle mista/grassa, un fondotinta dal finish lunimoso evidenzierebbe molto l’effetto lucido causato dal sebo.

Correttore: colore sbagliato ed eccessiva applicazione

Il correttore è fondamentale e preziosissimo per chi possiede qualche macchia sulla pelle o evidenti occhiaie. Un comune errore è quello di utilizzare un correttore troppo leggero, che di certo non risolve il problema, ancora peggio se applicato troppe volte sulla stessa zona. E’ necessario, dunque, trovare il giusto colore che faccia al caso proprio, perchè un correttore troppo chiaro, per esempio, evidenzierebbe le imperfezioni del viso, invece che nasconderle. Se il colore ed il finish risultano perfetti per la propria pelle, il gioco è fatto.

Cipria: effetto alone bianco sul viso

La cipria è la salvezza di molte ragazze con pelle mista e, dunque, oleosa. Una tecnica perfetta per evitare che si verifichino, durante la giornata, zone del viso lucide è il cosidetto ‘baking’: perfetto, però, se ben svolto. Il baking non è certo necessario in tutte le parti del viso, ma solo in quelle zone dove sono stati stesi più prodotti (fondotinta, correttore..). L’importante è, dunque, stendere la cipria in modo omogeneo, evitando di avere sul volto zone bianche per tutta la giornata/serata.

Ombretti: una sfumatura del tutto incompleta

Gli ombretti variano dalle mille colorazioni e dalle diverse qualità ed effetti che agli occhi donano. Se si decide, dunque, di abbinare più colori assieme, è importante scegliere le tonalità giuste, basandosi anche sul colore dei propri occhi. Degli ombretti troppo pigmentati, se non si possiede la giusta abilità nello sfumarli, appesantiscono l’occhio, sopratutto se si nota lo stacco tra un colore e l’altro. Un errore comune è, dunque, l’assenza nelle palpebre di un’adeguata sfumatura, maggiormente aggravata da un uso sbagliato di pennelli, con dimensioni che non consentono all’ombretto di essere sfumato al meglio.

Mascara: no all’effetto “poche ciglia”

Il mascara dona al volto ordine e femminilità anche quando si è poco truccati. Ma come si stende al meglio? L’errore più frequente che molte persone fanno è quello di non pettinare con lo scovolino del mascara le ciglia: si avrà, di conseguenza, troppo prodotto applicato male, dando l’idea che ci siano poche ciglia, in quanto sono attaccate tra di loro.

Eyeliner: una linea che non valorizza il proprio sguardo

L’eyeliner, si sa, è uno dei prodotti  più discussi e amati da moltissime persone, ma si è proprio sicuri che sia adatto alla propria tipologia di occhio? Per chi, per esempio, è caratterizzato da occhi infossati, l’eyeliner sarebbe da evitare, proprio perchè darebbe l’idea che l’occhio sia più infossato di quanto in realtà lo è. Per valorizzare lo sguardo, dunque, non è necessario fare una linea spessa e super marcata, perchè, in questo caso, appesantirebbe di molto lo sguardo: molto spesso, è meglio un buon smokey eyes che una marcata linea di eyeliner.

Fondamentale, oltre ad un utilizzo adeguato del make up è anche una buona cura del viso e cioè della propria pelle, in modo tale che risulti sana e priva di odiose macchioline e segni di stress.

Non usare creme/primer prima del trucco

Una pelle radiosa e spoglia di imperfezioni la si può facilmente ottenere mediante l’uso in primis di creme e primer prima dell’applicazione del trucco, in quando tali prodotti creano un forte scudo tra make up e pelle. Non usare tali prodotti significherebbe rinunciare ad una pelle più morbida e dunque ad un’applicazione più omogenea e veloce dei prodotti successivi; ad una protezione maggiore della pelle da sostanze colorate, che possono anche causare dei danni alla pelle come, per esempio, macchiarla; ad una durata maggiore del trucco sul proprio viso e ad un minore, se non nullo, assorbimento del fondotinta da parte della pelle, che potrebbe rischiare di chiudere i pori causando gravi problemi come acne o fastidiosi punti neri.

Non struccarsi prima di andare a dormire

Questo errore è, purtroppo, molto diffuso sopratutto per chi ancora non possiede un’adeguata informazione sulle gravi conseguenze che il trucco può causare alla salute della propra pelle: in tale condizione, essa non è in grado di respirare e, quindi, di dilatare maggiormente i pori durante la notte. La grave conseguenza è, dunque, un forte aumento di impurità nel viso, fino a giungere ad un aumento di casi di acne e di punti neri.

Superare la data di scadenza dei cosmetici

Utilizzare i cosmetici troppo a lungo superando la data di scadenza potrebbe portare a delle sgradevoli conseguenze. Solitamente, i prodotti della cosmesi del viso una volta aperti, durano circa 6-12 mesi. Superare il PAO (period after opening, ovvero il periodo ideale per utilizzare il prodotto dopo l’apertura) significherebbe perdere le qualità, l’efficacia e la sicurezza microbiologica del prodotto, rischiando di precipitare in rischi e problematiche per la salute della pelle: è sempre meglio, dunque, gettare il prodotto dopo la data di scadenza.

Abbondare le quantita’ di prodotto

Un errore comune e poco vantaggioso è proprio quello di abbondare sull’utilizzo di prodotti per la cosmesi del viso. Per far si che si ottenga un buon risultato dai cosmetici, non è necessario essere troppo generosi durante l’applicazione ma, anzi, è necessario che ogni prodotto venga dosato nella quantità giusta, evitando sprechi o, nei casi più gravi, reazioni allergiche. Il segreto è, dunque, nè troppo nè poco: il giusto.

advertisement
advertisement